• Prezzo scontato
Mentalismo Pratico di Theodore Annemann 29,00 €
Mentalismo Pratico di Theodore Annemann 29,00 €
Mentalismo Pratico di Theodore Annemann 29,00 €
Mentalismo Pratico di Theodore Annemann 29,00 €

Mentalismo Pratico di Theodore Annemann

2208
23,20 € 29,00 € -20%
Tasse incluse Consegna in 24/48 ore
Time left
Questo libro ha un valore eccezionale. Se lo leggerai attentamente, anche tra le righe, scoprirai dove il mentalismo è stato, dove si trova ora e dove andrà...
...Se sei interessato a intraprendere lo studio del mentalismo, questo libro è il punto di partenza da cui iniziare.
Max Maven

Ho acquistato la mia prima copia del lavoro di Annemann circa 37 anni fa. Da allora, ho sempre tenuto una copia del libro sottomano. Penso che ora probabilmente conosco la maggior parte a memoria, ma lo sfoglio ancora frequentemente…
Bob Cassidy

1 recensione

Questo libro ha un valore eccezionale. Se lo leggerai attentamente, anche tra le righe, scoprirai dove il mentalismo è stato, dove si trova ora e dove andrà...

...Se sei interessato a intraprendere lo studio del mentalismo, questo libro è il punto di partenza da cui iniziare.

Max Maven

 

Ho acquistato la mia prima copia del lavoro di Annemann circa 37 anni fa. Da allora, ho sempre tenuto una copia del libro sottomano. Penso che ora probabilmente conosco la maggior parte a memoria, ma lo sfoglio ancora frequentemente…

Bob Cassidy

 

Mentalismo Pratico è considerato uno dei testi fondamentali del mentalismo ed è ideale per chi vuole studiare seriamente questa affascinante arte.

La lettura e la trasmissione del pensiero, la chiaroveggenza, le routines con i bigliettini, i messaggi che appaiono sulle lavagne, il mentalismo con le carte e le monete, la trasmissione segreta di informazioni tramite codici e altri effetti “psichici” straordinari, sono tra i trucchi più impressionanti del repertorio di ogni mentalista. Il loro potere di stupire il pubblico non ha eguali nel campo delle esibizioni magiche.

Questo testo è ricchissimo di dettagli. La chiarezza e la vastità della collezione, insieme con la profonda conoscenza dell’autore riguardante le necessità dell’artista durante l’esibizione, lo rende prezioso per appassionati di ogni livello di esperienza.

 

Sono descritte più di 193 routine di mentalismo di cui 58 create da Annemann e le restanti contribuite da 50 famosi mentalisti, pubblicate nell’arco di un quasi un decennio nella rivista “The Jinx”.

 

518 pagine, centinaia di disegni b/n, 193 routine complete, 12 capitoli con i settori fondamentali del mentalismo, formato 15x21 cm, brossura rilegato cucitura refe.

 

Questi i capitoli del libro:

 

– effetti con biglietti e palline di carta;

– effetti pubblicitari;

– vivo o morto;

– test con i libri (‘book test’);

– predizione del pensiero - la storia dell’indice tascabile;

– capolavori di mentalismo - miscellanea;

– necromanzia con le buste;

– miracolose routine per lavagna;

– mentalismo con i soldi;

– lettura bendata;

– mentalismo con le carte;

– codici medianici.

 

 

Qui puoi scaricare il sommario del libro e le prime 21 pagine:

sommariomentalismo.pdf 238 Kb

paginementalismo.pdf 762 Kb

 

Recensione di Max Maven

 

Poco dopo che questo volume venne stampato, verso la fine del 1944, Bruce Elliott lo definì in The Phoenix “il libro dell‘anno o di qualsiasi anno.”

William Larsen (Sr.) era d’accordo: gli diede il Premio Genii per il miglior libro del 1944 e dodici mesi dopo ripetè il riconoscimento, proclamandolo il miglior libro del 1945.

 

Paul Fleming nella sua recensione lo descrisse come una “quasi schiacciante massa di materiale di alta qualità”, che “copre il campo del ‘mentalismo’ con profondità sorprendente.”

Nelle sue parole finali, egli ipotizzò che “per molti anni a venire, Mentalismo Pratico avrebbe avuto la parola definitiva sulla magia mentale.”

 

Da allora sono passati molti anni, quindi la domanda da porsi è: “Come ha retto nel tempo questo libro?”

Per rispondere a tale domanda, dobbiamo considerare ciò che ha preceduto questa collezione, così come quello che ha seguito.

 

La maggior parte di quello che noi consideriamo le basi del mentalismo moderno sono state affinate solo circa 150 anni fa, in concomitanza con la nascita dello spiritismo moderno. Questa coincidenza temporale non è affatto casuale; entrambi possono essere visti in correlazione con l’impatto della rivoluzione industriale nel mondo occidentale.

 

Per la maggior parte, il mentalismo da scena del 19° secolo si divideva in due categorie: Seconda Vista e Domande & Risposte (Per non appesantire la discussione ignoreremo settori correlati, come ipnotismo, calcoli istantanei e lettura mentale a contatto, poichè - allora come oggi - nessuno di questi era largamente diffuso). Oggi, Seconda Vista è più comunemente nota come mentalismo tra due persone. Tali esibizioni in team risalgono almeno al 16 ° secolo, ma quasi sempre incorporati come un segmento di uno spettacolo più lungo. Domande & Risposte è lo spettacolo in cui le domande del pubblico, il più delle volte scritte su carta, venivano risposte da un artista sul palco. Essa ha radici più antiche, che risalgono ad almeno 1850 anni fa. Negli ultimi anni del 19° secolo e all’inizio del 20° secolo, era esibito solitamente come un intero programma. (Una forma più intima, la lettura privata, era comunemente una dimostrazione da uno a uno.)

 

Intorno alla fine del secolo, con l’espansione del mercato dei consumatori creati dalla nascita del prestigiatore dilettante (facilitata dal sorgere del “tempo libero”) e la successiva socializzazione della magia tramite club e periodici, le nformazioni tecniche sul mentalismo cominciarono anche ad essere stampate (ad esempio, William Robinson nel 1898, David P. Abbott nel 1907). Allo stesso tempo, la struttura dello spettacolo stesso stava cambiando.

 

Nel 1920, in risposta alla terribile (prima) guerra mondiale, il mondo occidentale si gettò nell”Era del Jazz”, che inaugurò nuove tecnologie di intrattenimento che, a loro volta, cominciarono a rendere obsoleti sia gli spettacoli di un' intera sera itineranti che le presentazioni di avanspettacolo costituite da più atti. Mentre queste forme via via svanirono, nuove opzioni di spettacolo emersero: la discoteca, lo spettacolo di rivista e i “club per appuntamenti” (quest’ultimo è diverso dai locali notturni, facendosi invece riferimento a attività di una notte per i gruppi sociali e civici). Queste nuove sedi richiedevano tempi di esecuzione più brevi e ritmo più veloce.

 

L’esecutore che fece il passaggio con maggior successo a questa nuova modalità fu, ovviamente, Joseph Dunninger. (È indicativo di questo cambiamento che il termine “mentalista” risale solo agli anni 20 del secolo scorso; in realtà, Dunninger affermò di aver coniato quella parola. Il termine “mentalismo” è più vecchio, ma fino a quel momento era stato utilizzato solo al di fuori del contesto di intrattenimento, in riferimento ad una concetti filosofici.)

 

Queste nuove condizioni si fusero con le esigenze del fiorente mercato amatoriale. La combinazione stimolò una nuova ondata di magia, in particolare negli Stati Uniti. Gli effetti diventarono più rigorosi, i metodi furono semplificati e, in grande misura, oggetti di scena elaborati furono eliminati. Per ovvie ragioni, la magia con le carte e la magia mentale ricevettero maggiore attenzione. Questo fece sì che molti trucchi furono rilasciati come brevi manoscritti, alcuni costituiti da meno di una pagina di dattiloscritto copiato a carbone. Mentre erano ancora in corso di pubblicazione stili precedenti di mentalismo (comprese informazioni fino a quel momento non rivelate da esponenti come Paul Kara, Burling Hull, David Lustig e George de Lawrence), ci fu una nuova tendenza molto evidente.

 

Nomi di rilievo coinvolgevano Henry Hardin, Theodore DeLand, Al Baker e Charles Jordan. A metà degli anni '20, Jordan stava andando verso i 40 anni; DeLand e Baker erano oltre i 50 e Hardin aveva passato i 70. Diversi inventori più giovani stavano per entrare nella mischia, tra cui Larsen & Wright, UF Grant e un adolescente dal nord, proveniente dallo stato di New York, Theodore Anneman.

(Egli poi aggiunse una “N” in più al suo cognome.)

 

Annemann iniziò a collaborare con materiale inviato a The Sphinx nel 1926, e in poco tempo cominciò a vendere manoscritti e a guadagnarsi una reputazione come uno dei più intelligenti giovani del settore.

 

La vita di Annemann era poco stabile. La sua carriera artistica fu ostacolata dalla paura del palcoscenico e dall’abuso di sostanze; quest’ultimo servì pure a distruggere i suoi due matrimoni. Ma una cosa in lui era costantemente affidabile: il suo ingegno creativo, combinato con un sano rispetto informato per il passato e una comprensione insolitamente acuta di quello che il pubblico in realtà percepisce. Alla fine del 1934 avvenne il debutto della sua rivista The Jinx: una piccola ma potente pubblicazione che collezionò 151 uscite, fino a dicembre 1941.

 

Nel corso della sua relativamente breve esistenza, The Jinx si concentrò principalmente su questo nuovo stile di magia e mentalismo. Le sue pagine contengono alcune delle migliori idee sia dalla vecchia guardia che della nuova. (Tra questi ultimi c’erano dei ragazzi come James Stewart, Jack Vosburgh e JG Thompson Jr.). Il trasferimento di Annemann a New York City lo mise al centro di quello che era allora il crocevia della magia, il che lo ha aiutato a mantenere la rivista fresca e progressiva.

 

Il 12 gennaio 1942, Annemann morì suicida. La rivista, essendo sempre stata praticamente tutta sulle sue spalle, cessò di pubblicare. Il suo impatto, tuttavia, non smise di esercitare la sua influenza. Sostenuto dal venditore Max Holden, Annemann aveva costruito una vasta circolazione di pubblico per The Jinx, e nell’economia che si riprendeva al termine della terribile (seconda) guerra mondiale, c’erano molti potenziali nuovi lettori.

 

Quindi, nel 1943, Holden assunse John J. Crimmins Jr. per realizzare il libro “Annemann’s Full Deck of Impromptu Card Tricks”, un libro in brossura di 52 effetti estratti da The Jinx, organizzato e curato da John J. Crimmins Jr. con nuove illustrazioni di Nelson Hahne. (Crimmins, un pubblicitario, era un bibliofilo di libri di magia situato nella zona di New York, che continuò a gestire le recensioni di libri per “Hugard’s Magic Monthly” per molti anni.)

Il libro fu un immediato best-seller: non ci si sorprese quindi quando fu deciso di realizzare un seguito più ambizioso: appunto il libro in discussione!

 

Mentalismo Pratico di Annemann contiene 193 routines, per lo più tratte da The Jinx, con alcune aggiunte da manoscritti esterni. La lista di oltre 50 collaboratori è impressionante; tra loro ci sono il Dr. Jaks, Dai Vernon, Jacob Daley, Paul Curry e Peter Warlock. Cinquantotto delle routines sono di Annemann. (possiamo sostenere che la sola significante routine di Annemann non inclusa fu “The Test of the Tiber.” Secondo una ricerca condotta da Max Abrams, questo era stato destinato a formare il capitolo finale, ma fu ritirato a causa di potenziali problemi legali, perchè sia Holden che il rivenditore di Philadelphia Mike Kanter ne rivendicavano la proprietà.)

 

Il materiale è organizzato in dodici capitoli vagamente definiti per argomento. Il libro era a copertina rigida con oltre 300 pagine, il suo prezzo originale di vendita al dettaglio era $ 6.50. Nel giro di un anno, fu organizzata la seconda ristampa. Il libro ha continuato ad essere stampato da allora... Nella edizione del 1963 di Tannen vennero fatte alcune lievi modifiche. Nel 1983, una buona edizione tascabile fu pubblicata da Dover con il titolo cambiato in Practical Mental Magic. Per qualche ragione sconosciuta, questo presenta un ritratto del famoso prestigiatore Dante sulla copertina.

 

Quindi, ora che abbiamo ripercorso la storia, torniamo alla domanda iniziale. In che modo il libro è attuale oggi? Nella recensione sul The Phoenix citato all’inizio, Bruce Elliott continuò concludendo: “Rende, a parità di costo, qualsiasi libro simile obsoleto.” È ancora vero?

 

La mia risposta è sì. Intendiamoci, a 59 anni dalla sua prima versione c’è stato un solo libro simile: Tredici Gradini Verso il Mentalismo di Tony Corinda, pubblicato come serie di opuscoli dal 1958 al 1960, e successivamente combinati in un unico testo.

Insieme, penso che questi due libri comprendano i segreti fondamentali del mentalismo. Alcune parti di materiale si sovrappongono, ma non molte.

 

Per chiunque sia interessato al settore, entrambi sono punti di partenza vitali. Entrambi contengono materiale eccellente (così come alcune rountine minori), e nessun altro libro fornisce un approccio di così ampio respiro. Mi capita spesso di ricevere e-mail da parte di persone che vogliono iniziare ad approcciarsi al mentalismo, e che chiedono consigli. La mia risposta è sempre la stessa: “Inizia con Annemann e Corinda, in quanto forniranno una base solida.”(Raramente mi scrivono di nuovo. Forse pensano che io non dica tutto. Ma non lo faccio...)

 

Per quanto io sia affezionato a Corinda, devo dare il mio voto a “Mentalismo Pratico” come libro migliore. In parte perché il testo di Annemann contiene materiale più dirompente ed avanzato, spesso scritto proprio dalla fonte. Il libro di Corinda è un volume che lo accompagna in maniera preziosa, ma poichè è stato costruito sulle idee portate avanti dal suo predecessore, la collezione di routines di Annemann è quello che classifico come indispensabile.

 

Mentalismo Pratico copre tutto quello che c’è da sapere sul mentalismo? Ovviamente no. Ma c’è un un sacco di materiale.

Classici come “Pseudo-Psicometria” di Annemann e “Visione Paraottica” funzionano con tanta forza tanto oggi quanto negli anni 30. Come gemme apparentemente dimenticate, come “40.000 parole” di Sid Lorraine e l’approccio subdolo alla trama di Kolar del “Chiavi e lucchetti”. Ci sono versioni semplificate dei tipi precedenti di mentalismo, così: “Filo Magico” di Annemann è ancora uno delle migliori routine di Seconda Vista mai pubblicate, e “Modernizzare il principio Un Passo Avanti” di Annemann e Dunninger è un lavoro solido sullo spettacolo basato su Domande e Risposte. Principi di valore sono esplorati nelle routines “Il Kodice Pazzo” di Bert Adams e “Conoscenza delle Date” di Walter Gibson.

 

Come notato, il materiale porta lontano da oggetti di scena, ma ce ne sono alcuni intelligenti e utili (che non sembrano oggetti di scena), tra cui la versatile “Scatola per lo scambio dei biglietti” di Otis Manning e “Solo un’eco” di James Deacy, che sembra essere reinventato e rimesso nel mercato ogni circa dieci anni. E, dappertutto, ci sono stratagemmi psicologici che hanno uguale raffinatezza e sottigliezza di qualsiasi cosa pubblicata oggi.

 

Il materiale è datato? Una piccola parte di esso, sì. Ma non lasciatevi ingannare dalle prime impressioni. Ad esempio, c’è un intero capitolo dedicato alle routine con le lavagne, equipaggiamento vecchio stile che raramente si vede oggi.

Ma, se saltate quel capitolo, vi perderete alcuni eccellenti stratagemmi. Ad esempio, “Percezione Extrasensoriale” di Annemann può essere realizzata con un pezzo di cartone, e “Immortalità sulla lavagna” di Robert Parrish può funzionare con una lavagna cancellabile a secco moderna. E, anche nei pochi casi in cui la tecnologia ha sostanzialmente negato una routine (ad esempio, la “Trovata pubblicitaria” di Annemann), il pensiero non è meno stimolante.

 

Se ci chiediamo: quali nuove cose sono state inventate nel mentalismo dopo la pubblicazione di questo libro? Penso che ci sono alcune tendenze che possono essere identificate. L’avvento della televisione ha aumentato il ritmo e ulteriormente tagliato i tempi di esecuzione. Gli esponenti più influenti di questo approccio più vivace apparvero nel 1960: David Hoy e Al Koran. Il loro lavoro non fa sembrare il materiale di Mentalismo Pratico arcaico? Beh, vale la pena sottolineare che il nucleo della più famosa routine di Al Koran, “The Gold Medallion,” si può trovare nel capitolo “Miscellanee”, “La Palla della Fortuna” di James Stewart.

 

Un’altra tendenza apparentemente nuova è la crescita del settore della Bizarre Magic, che divenne formalizzato nel 1960 e che fiorì nel 1970. Ma è possibile trovare i primi esempi in Mentalismo Pratico, come “Voodoo” di Arthur Monroe, lo squisito punto di riferimento “Sefalaljia” di Stewart James e “Il Capriccio di Tituba” di Annemann.

 

In realtà, credo che ci siano solo due grandi tendenze in mentalismo moderno che mancano nel libro. Una potrebbe essere la lettura a freddo (Cold Reading), che era molto diffusa ai tempi di Annemann, ma che era stata in gran parte messa da parte come un residuo del declinante spettacolo basato su Domande & Risposte. Questo argomento non è mai scomparso, ma ha mantenuto un profilo relativamente basso fino al 1980, quando ci fu una forte ripresa di interesse che continua ancora oggi. Negli ultimi 20 anni c’è stato un vero boom di materiale pubblicato. La maggior parte (non tutto) di questo era spazzatura, confusa e irresponsabile. Ma questo è qualcosa su cui scriverò in un altro momento; il punto qui è quello di riconoscere che questo elemento non è presente nel libro di Annemann. Fortunatamente, uno dei migliori saggi sull’argomento si può trovare in “13 Gradini verso il Mentalismo” di Corinda.

 

L’altro sviluppo importante nel mentalismo è la psicocinesi (PK), in particolare la piegatura degli oggetti solidi come i cucchiai e le chiavi. Nel 1970, Uri Geller ha preso in contropiede il mondo con tali manifestazioni, e molti mentalisti si sono affrettati a saltare in questo campo. Non troverete questo in Mentalismo Pratico. No, per quello dovete guardare nel terzo numero di The Jinx, pubblicato nel dicembre 1934, in cui Annemann descrive un precursore diretto, un effetto di piegature di un bastone di vetro estratto fuori dal proprio repertorio che esibiva.

....

 

Ma, devi pur niziare da qualche parte. E così, la mia raccomandazione è legittima: se siete interessati a studiare il mentalismo, Mentalismo Pratico è il posto giusto per iniziare. Annemann ha scritto una volta, “I Prestigiatori in generale sembrano essere alla ricerca perenne di nuovi trucchi. Non che non sono necessari nuovi trucchi, ma mi sembra che un gran numero di bei vecchi trucchi sono usati male.

 

Ignorate i riferimenti antiquati occasionali. Non lasciatevi ingannare dalla grafica molto bella, ma vecchio stile di Nelson Hahne. Questo libro ha un valore eccezionale. Se lo si legge con attenzione, anche tra le righe, scoprirete dove mentalismo è stato, dove è ora, e dove è diretto. È tutto lì? Dannatamente così!

No reviews
Visualizza il certificato di fiducia
  • Per ulteriori informazioni sulla natura della verifica delle recensioni e sulla possibilità di contattare l'autore dell'opinione, consulta le nostre CGU.
  • Non è stato fornito nessun incentivo per queste recensioni
  • Le recensioni sono pubblicate e mantenute per un periodo di 5 anni
  • Le recensioni non possono essere modificate; se un cliente vuole modificare la sua recensione, deve contattare direttamente Recensioni Verificate, per far cancellare la precedente e scriverne una nuova
  • I motivi della cancellazione di una recensione sono disponibili qui.

5 /5

Basato su 1 recensioni cliente

  • 1
    0
  • 2
    0
  • 3
    0
  • 4
    0
  • 5
    1
Ordina recensioni per :

Giuseppe C. pubblicato il 30/12/2018 in seguito ad un ordine del 12/12/2018

5/5

Ottimo per chi è già un esperto del mentalismo!

Questa recensione è stata utile? Si 0 No 0

×

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

Product added to wishlist